True Blood: la nuova creatura di Alan Ball (Six feet under)

23 Luglio 2008 2 Di diteleblog

Partirà il 7 settembre su HBO True Blood, la nuova, attesa serie di Alan Ball, vincitore del premio Oscar per la sceneggiatura originale del film American Beauty e creatore della serie cult Six Feet Under, sempre di HBO.

True Blood è tratta dalla saga di libri, intitolata Southern Vampires, di Charlaine Harris, al momento composta da 8 volumi. Al centro della storia l’impatto dell’uscita allo scoperto dei vampiri dopo l’invenzione giapponese del Tru Blood, sangue sintetico che permette loro di non doversi più cibare degli umani.
La protagonista è Sookie Stackhouse (nella serie interpretata da Anna Paquin, anche lei premio Oscar), una giovane cameriera di Bon Temps, cittadina del Louisiana, sud degli Stati Uniti.
Sookie, in grado di leggere i pensieri della gente, dovrà affrontare i pregiudizi della popolazione locale quando inizierà una relazione con Bill Compton, un vampiro di 170 anni da poco trasferitosi in città.
Nel frattempo la ragazza dovrà indagare su una serie di misteriosi omicidi, di cui tutti ritengono i vampiri responsabili.
dietro le quinte
[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=LSOzlC0cQ1o]
Di True Blood se ne sta parlando molto in questi giorni, in attesa della presentazione alla Comic-Con il 24 luglio. Per la promozione della serie, infatti, la HBO ha realizzato una campagna pubblicitaria senza precedenti: un virale, creato in collaborazione con le menti dietro a The Blair Witch Project, che servirà a far immergere gli spettatori, i fan e anche gente casuale nell’atmosfera della storia.
Si tratta di poster, spot tv, finti programmi a tema e manifesti che pubblicizzano il Tru Blood, il sangue sintetico al centro della vicenda, ma sono numerosi anche i siti web legati alla campagna:

  • Blood Copy – un blog in cui vengono raccolte tutte le notizie più importanti: le reazioni della gente e dei politici di fronte ai vampiri; interviste con i protagonisti locali; avvistamenti, ecc.
  • TruBeverage – un sito rivolto ai vampiri, in cui poter scoprire, tramite un test, il tipo di sangue adatto a ogni individuo e in cui leggere le caratteristiche della bevanda.
  • Love Bitten – un sito dedicato agli incontri tra vampiri e umani e viceversa.
  • American Vampire League – il sito dell’associazione che appoggia il riconoscimento dei diritti dei vampiri.
  • Fellowship of the Sun – l’associazione, opposta all’American Vampire League, che si schiera apertamente contro i vampiri, definendoli creature abominevoli, che vanno fermate prima che uccidano tutti.

E nel frattempo, Alan Ball, il creatore della serie, risponde così a chi gli chiede se la serie sia una metafora per la popolazione gay (Alan Ball è dichiaratamente gay e all’interno della mitologia del telefilm e dei libri si usa la frase “coming out of the coffin”, “uscire dalla bara”, chiaro riferimento allo slogan anni ’70 “coming out of the closet“):

No, non è così per me. La cosa divertente della serie è che parla di vampiri, non è molto seria. Possono essere intesi perfettamente come una metafora per i gay, ma anche per chiunque sia incompreso. Eppure allo stesso tempo non lo sono assolutamente.

True Blood debutta negli USA il 7 settembre prossimo.
Per la prima stagione, che verrà anticipta da un fumetto prequel disponibile ogni settimana sul sito ufficiale, sono previsti 12 episodi.

www.badtaste.it

www.cartoonmag.org