Heroes: Sylar e lo scarafaggio: casualità o simbolo?

1 Settembre 2008 0 Di diteleblog

In Heroes sono tanti i simboli e i dettagli che non trovano subito una spiegazione esaustiva ma intanto ci sono e gli appassionati si sbellicano nel tentativo di cercare una spiegazione, anche perchè non si tratta di dettagli messi casualmente ma hanno sempre e comunque un significato simbolico.
Dopo il “godsend” il misterioso simbolo simile ad un’elica di RNA, rivedendo gli episodi della prima stagione, mi sono nuovamente imbattuto nell’apparizione dello scarafaggio nei pressi di Sylar (Zachary Quinto).
Chi ha seguito gli episodi avrà notato la presenza dello scarafaggio nella cella dove HRG (Jack Coleman) tiene rinchiuso Sylar e nella scena finale della prima stagione quando lo stesso Sylar ferito gravemente scompare e nei pressi di un tombino ancora lo scarafaggio…e allora?

Allora senza per questo scomodare la scienza esatta, si sa anche se forse non con certezza assoluta, che gli scarafaggi al di là del fatto che sono insetti disgustosi, a quanto pare sono in molti a credere nella loro potentissima resistenza, addirittura pare siano resistenti alle radiazioni nucleari, avrebbero la capacità di rallentare il proprio battito cardiaco e perfino di sopravvivere una settimana senza testa.
Quest’ultimo punto a noi interessa particolarmente, visto che in Heroes nella prima stagione si parla di una eventuale esplosione nucleare, Sylar come lo scarafaggio sviluppa infatti una resistenza ai pericoli ed alle avversità notevoli.
Non solo poichè Sylar ha la capacità di apprendere i meccanismi di ogni cosa, la vicinanza con l’insetto gli permette di apprendere determinati suoi meccanismi evolutivi.
Fa tutto parte del discorso evoluzione insito nella serie e che già Mohinder (Sendhil Ramamurty) accenna nel primo episodio, parlando anche, guarda caso degli scarafaggi.
La questione resta comunque aperta ed abbinata alla nostra serie preferita è veramente affascinante.
Sylar prigioniero
[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=YmPZbzRpu7Y]